WiFi: qual’è la tecnologia per il migliore servizio wireless

wireless-wifi-velocita-mylink-air-avelia-internet-verona

Piccola guida per conoscere e scegliere router e access point wifi per internet

Il WiFi, la connettività di rete senza fili ormai è ovunque: dai locali, bar, hotel, ai luoghi pubblici come le piazze, alle abitazioni. Molte sono le soluzioni facilmente reperibili in commercio e questo può far pensare che sia relativamente semplice “mettere il Wi-Fi in casa”. Però, una cosa è installare un router e/o degli access point per una rete domestica senza grosse pretese basata su Wi-Fi, un’altra cosa è ottenere le migliori prestazioni. Questo appare ancora più evidente se si tratta di una rete aziendale o di un locale pubblico come bar, negozi, hotel.

In ogni caso bisogna scegliere la versione di Wi-Fi più adatta a seconda delle proprie esigenze, posizionare adeguatamente il/gli access point, eventualmente estenderne la copertura e, soprattutto, proteggere la rete wireless da eventuali accessi non autorizzati.

In questo articolo troverete i consigli per scegliere e ottenere una buona rete wireless WiFi.
Oppure contattateci e lo faremo per voi!

Rete cablata (con cavo) o wireless WiFi?

Nel tempo i dispositivi WiFi sono aumentati moltissimo, complice la grande diffusione di smartphone, tablet ma anche di molti altri dispositivi come stampanti e recentemente anche di elettrodomestici dotati di scheda di rete, anche wireless.

La situazione ottimale prevede per una rete la coesistenza della parte fisica via cavo e della parte wireless WiFi, ma nella maggior parte dei casi le persone utilizzano nella propria abitazione semplicemente la rete wireless.

Un buon suggerimento è ricordare di collegare i dispositivi “fissi” alla rete via cavo (PC, TV, console, blu-ray…) per godere delle prestazioni ottimali e lasciare ai dispositivi mobili la rete wireless.

L’evoluzione del WiFi

Il Wi-Fi è evoluto molto nel corso degli anni, raggiungendo standard sempre migliori in termini di prestazioni. I primi protocolli standard sono stati IEEE 802.11a e 802.11c, il primo americano operante a 5 GHz, l’altro europeo operante a 2,4 GHz. Siamo poi passati alla versione Wi-Fi “g” e a quella oggi più diffusa la versione Wi-Fi “n”. Il protocollo 802.11n è in grado di operare sia a 2,4 che a 5 GHz e offre prestazioni nell’ordine di 150 Mb/s a canale, per un massimo di tre canali simultanei (450 Mb/s). L’ultimo standard comparso sul mercato e in via di diffusione è il Wi-Fi “ac”, che opera sempre sui 5 GHz e offre prestazioni teoriche addirittura superiori rispetto a quelli della rete cablata: si parla infatti di 1,3 Gb/s. Ovviamente per poterlo sfruttare appieno, tutta l’infrastruttura di rete deve essere aggiornata a Wi-Fi “ac”, quindi non solo il router wireless, ma anche i dispositivi che vi si collegano.

ieee-802-11-wifi-wireless-lan-avelia-internet

ieee-802-11-wifi-wireless-lan-avelia-internet

Gli access point WiFi non sono tutti uguali

Le prestazioni degli access point Wi-Fi non sono le stesse. Alcuni access point hanno più antenne degli altri, quindi almeno teoricamente sono in grado di dare più copertura e alcuni anche prestazioni superiori. Altri access point possono operare su entrambe le bande dei 2,4 GHz e dei 5 GHz e sono detti per questo “dual band”, o addirittura possono creare due reti Wi-Fi in contemporanea e in questo caso vengono chiamati “dual band simultanei”.

Apparentemente quest’ultimo è un vantaggio importante perchè i 5 GHz offrono prestazioni eccellenti ma copertura leggermente inferiore, inoltre non tutti gli apparecchi, soprattutto i più vecchi, possano operare a questa frequenza. I dispositivi in 2,4 GHz offrono una buona copertura ma sono più sensibili alle interferenze. Avere supporto per entrambe le bande contemporaneamente significa consentire il miglior accesso possibile a tutti i dispositivi che si vogliono integrare in rete.

In realtà si consiglia di utilizzare un solo standard per il router e dispositivi Wi-Fi; solo così otterremo le migliori prestazioni e la migliore copertura del segnale, al fine di migliorare la connessione Wi-Fi.

Un consiglio, se dovete cambiare router, è di tenere il vecchio e impostarlo per fornire connettività ai dispositivi vecchi, lasciando al nuovo il compito di fornire connettività 802.11n o ac. La regola genrale è: meglio due reti separate con protocolli diversi che una sola rete che supporta tutti i protocolli. Ovviamente cercate di impostare i due router su canali o frequenze diverse per evitare interferenze (vedi più sotto “Limitare le interferenze”)

Il posizionamento corretto

Uno dei problemi classici del Wi-Fi è quello della copertura: ostacoli come muri (i 5 GHz hanno più difficoltà ad attraversarli rispetto ai 2,4 GHz), la stessa distanza, oppure il fatto che alcune case e/o strutture sono sviluppate su più piani, possono creare situazioni difficili per la propagazione ottimale del segnale radio wifi. Se poi si pensa di coprire tutti gli spazi con il minor numero di antenne wifi, la scelta del router wireless in primis, e degli access point aggiuntivi, è fondamentale, così come il loro posizionamento. Se il router è sufficiente a coprire tutti gli ambienti, meglio posizionarlo al centro della casa/struttura. Quando non è sufficiente, si può estendere la copertura con uno o più access point, oppure con “repeater” detti anche “range extender”.

La situazione migliore è quella di usare uno o più access point collegati alla rete fisica via cavo. Altra possibilità, è quella di avere sempre più access point, ma usare la tecnologia Power Line in assenza della rete cablata, per trasferire il segnale di rete tra loro. I dispositivi Power Line si trovano facilmente in commercio e consentono di trasferisce il segnale dati sulla rete elettrica senza richiedere interventi sulla struttura della casa come la posa di cavi e/o canaline

I ripetitori invece sono dispositivi che devono essere posizionati entro la copertura Wi-Fi del router/access point e ne amplificano il segnale estendendolo ad aree altrimenti non coperte. Soluzione estremamente pratica e molto diffusa, con l’unico limite che parte della banda viene usata per la trasmissione dei dati tra i due dispositivi, riducendo le prestazioni.

wifi-802-11-copertura-avelia-internet-wireless

wifi-802-11-copertura-avelia-internet-wireless

Limitare le interferenze

Chi abita in appartamento sa bene di dover “coesistere” con svariate reti Wi-Fi in casa propria: quella degli esercizi commerciali in strada, quelle dei vicini. Tutte queste reti possono interferire e limitare le prestazioni della nostra rete wifi. Quello che bisogna sapere è che, parlando di 2,4 GHz, sono disponibili solo 13 frequenze utilizzabili suddivise in canali, e per evitare interferenze, due diverse connessioni devono essere separate da almeno 5 canali. Quindi i canali “migliori” e da preferire sono 1, 6 e 11. I canali intermedi interferiscono a volte anche in modo importante. Tutto ciò è pura teoria, poiché difficilmente gli utenti configurano a dovere i canali e alcune frequenze si trovano immediatamente sovraccariche: la regola di base è quella di analizzare le reti “concorrenti” (ci sono diversi programmi che lo fanno, anche via smartphone o tablet) e usare il canale meno congestionato, oppure affidarsi alla funzione automatica dell’access point, che al momento dell’accensione rileva il canale meno utilizzato e si predispone ad operare all’interno di esso.

La rete va protetta!

Per ottenere le migliori prestazioni bisogna assolutamente evitare che la rete sia accessibile a tutti. Qui i comportamenti da tenere sono essenzialmente due:

  • prima cosa va inserita una password personale sostituendo quella di default del sistema
  • seconda cosa va impostato un sistema di protezione

Per la password, il consiglio generale che è sia lunga e comprenda caratteri e numeri. Per il tipo di protezione conviene impostare WPA2 con autenticazione AES, supportata da larga parte dei dispositivi in commercio.

Avelia, soluzioni per il tuo Wi-Fi

Diamo consulenza, progettiamo e realizziamo soluzioni wireless su misura, anche con formula “Pay per use” a noleggio. Contattaci

Pensa solo al tuo business o al tuo divertimento a casa, a tutto il resto ci pensiamo noi.

  • Consulente Commerciale, collabora con varie aziende e attività B2C per lo sviluppo di nuovi progetti commerciali e la formazione all'interno delle PMI. Appassionato di tecnologia e innovazione, negli ultimi 15 anni ha collaborato in particolare con aziende del settore ICT operanti in Veneto. La filosofia professionale si ispira all'economista americano Jeremy Rifkin e si basa su tre elementi chiave: Comunicazione, Condivisione e Accesso
Contattaci



Acconsento alla Privacy Policy

Certificazioni