Smart Working – l’ufficio ovunque ti trovi con le soluzioni Smart Office di Avelia

Smart-Working-Telelavoro-Smart-Office-Coworking-Avelia

Dal Telelavoro allo Smart Working, tutto l’ufficio a portata di mano

Termini come Smartworking e Smart Office vengono sempre più utilizzati dai mezzi di comunicazione. Generalmente tutti sono concordi nell’affermare che non bisogna confonderli con il Telelavoro oppure con il Coworking. Ma cosa sono effettivamente? Quali sono gli strumenti e i servizi necessari?

Telelavoro è probabilmente il termine più “vecchio” e si riferisce a chi lavora da remoto, in genere da casa, comunque da una postazione remota abituale. Di solito si tratta di lavoratori dipendenti o collaboratori subordinati a progetto.

Coworking è la scelta di condividere un ambiente di lavoro con altri professionisti, dove trovare la propria scrivania ma anche la possibilità di socializzare e di condividere le esperienze e i progetti.

Read More

Blocca le telefonate di telemarketing indesiderate e le chiamate da callcenter o da numeri sconosciuti

telemarketing-teleselling-callcenter-bloccare telefonate

Telemarketing: ricevi spesso chiamate indesiderate da operatori che vogliono proporre un’offerta imperdibile?

Conosci gli strumenti per ridurre al minimo o eliminare il disturbo di telefonate indesiderate? Scopri cosa puoi fare oltre a iscriverti al Registro delle Opposizioni

Tutti riceviamo spesso chiamate indesiderate, a qualunque ora del giorno, per sentirci proporre l’ultima offerta o per risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica, del gas, per l’abbonamento a TV e operatori telefonici.

Dovremmo poter far valere i nostri diritti, ma è un’impresa perché le regole approvate fin qui sono un po’ deboli. È vero esiste il Registro delle Opposizioni, nato oltre due anni fa e tenuto dalla fondazione Bordoni controllata dal ministero dello Sviluppo Economico, al 1 gennaio 2016 contava 1.442.000 numerazioni intestate a cittadini che hanno manifestato il diritto di opposizione alle chiamate di telemarketing.
Il meccanismo di base dovrebbe essere semplice: se ci si iscrive, non si dovrebbero mai ricevere telefonate pubblicitarie. Questo strumento, tuttavia, non tutela i numeri di telefono fissi e quelli dei cellulari non iscritti all’elenco. Pertanto questi contatti possono essere chiamati se si trovano illegalmente altrove. Nulla cambia se al call center si chiede di cancellare il proprio nominativo. Forse sarebbe più corretto prevedere l’iscrizione ad un Registro solo da parte degli interessati a ricevere telefonate al proprio domicilio, anziché il contrario.

Molte sono le denunce dei consumatori anche per telefonate che potremmo quasi considerare “stalking”, come nel caso delle centinaia di abbonati che hanno protestato per la ricezione di varie telefonate di seguito, “mute”. Sono le chiamate dei sistemi automatizzati che generano un numero di telefonate superiore agli operatori disponibili per eliminare i tempi morti dei call center.

Nella maggior parte dei casi queste telefonate violano il diritto dei consumatori nelle vendite a distanza, in vigore dal 13 giugno 2014. (nuovo Codice del consumo d.lgs. n. 21/2014, direttiva europea 2011/83/UE) A rilevarlo è il Garante della Concorrenza che ha avviato vari procedimenti, soprattutto nei confronti di Fastweb, Vodafone, Telecom, H3g, Sky Italia ed altri operatori di servizi.

La normativa, prima del 2014 non prevedeva regole ad hoc per questi contratti sottoscritti direttamente a casa del consumatore, per strada, presso alberghi, fiere e, ovviamente al telefono. Dal 2014 ha imposto la necessaria conferma scritta dei contratti conclusi per telefono, imponendo che la sottoscrizione non vincoli chi riceve telefonate promozionali, se alla chiamata non fa seguito un contratto scritto che contenga tutte le informazioni utili al consumatore in modo chiaro e dettagliato e che ha effetto solo dopo esser stato accettato e firmato per iscritto, anche con firma elettronica.

Perché le telefonate di telemarketing non smettono e perché le chiamate del teleselling rappresentano una gallina dalle uova d’oro?

Tutto inizia con pochi centesimi a “recapito”, cioè il “prezzo” pagato per ogni nominativo completo di nome, cognome e numero di telefono, che le aziende di telemarketing comprano da altre aziende simili per le loro attività di teleselling. Queste aziende ci contattano per vendere qualcosa, un abbonamento oppure un prodotto. I nominativi, poi, finiscono in una catena complessa di società che se li scambiano e, via via, completano i dettagli: sesso, professione, preferenze e status sociale. Un identikit illegale, dal momento che la normativa del teleselling “Le nuove regole del Marketing Telefonico” prevede che possano essere contattati solo i consumatori che hanno espressamente dato il loro consenso. Se almeno una volta hai compilato un modulo per partecipare a un concorso sul web o attivato una carta fedeltà firmando il consenso all’utilizzo dei dati personali per scopi pubblicitari, anche tu potresti essere in uno degli elenchi di cui ti abbiamo parlato.

Che cosa possiamo fare per non ricevere telefonate indesiderate?

Innanzitutto come accennato prima, occorre iscriversi al Registro delle Opposizioni, inoltre se non si è dato il consenso e si ricevono telefonate commerciali di pubblicità o promozione di servizi, si può mandare una segnalazione al Garante della Privacy tramite due moduli, uno per le utenze riservate, l’altro per quelle iscritte appunto al Registro.

Avelia MioIndirizzo offre un servizio in più a tutti i clienti con le linee telefoniche MyLink: puoi chiedere di bloccare le chiamate con “ID sconosciuto” oppure puoi fare inserire specifici numeri telefonici in un elenco di numeri indesiderati in modo da non ricevere più telefonate di telemarketing.

Inoltre i contratti Avelia MioIndirizzo rispettano la norma in vigore da giugno 2014, sono chiari e devono essere controfirmati prima di poter attivare un servizio.

3 cose da verificare sul tuo contratto internet e fonia

contratto internet

Hai da poco stipulato un contratto internet o telefonia business per la tua azienda e sei convinto di aver fatto la scelta più giusta tra le varie offerte del mercato. Ma sei sicuro di aver controllato alla perfezione che tutte le caratteristiche richieste al contratto dati o fonia siano garantite?

Molto spesso, infatti, le compagnie internet o telefoniche pubblicizzano i loro servizi ma nel momento di mettere nero su bianco le caratteristiche principali pubblicizzate, le argomentazioni e le garanzie si fanno vaghe. Il contratto MyLink, invece, soddisfa abbondantemente queste necessità e fa della chiarezza il suo punto di forza, esplicando con precisione tutti i parametri di interesse e garantendo un’ampiezza di banda minima elevata, anche in upload, e un servizio perfettamente efficiente.

La banda minima garantita, per esempio, è uno di quegli aspetti su cui un’azienda deve poter far conto per sviluppare la propria attività. Quando si stipula un contratto internet bisogna porsi una domanda fondamentale. Può questa compagnia garantirmi una banda minima in qualunque ora del giorno, anche negli orari di punta?
Per molti fornitori ISP (Internet Service Provider) la risposta è no. Il motivo è molto semplice e va ricercato nell’assenza di infrastrutture proprie e nello sfruttamento della sola vecchia rete telefonica Telecom, su cui però “navigano” la maggior parte delle connessioni internet per residenziali nel nostro Paese.

Per questo motivo, molto spesso, viene garantita una banda massima ma non quella minima. Accade perciò che negli orari di maggior carico sulla rete, ogni utente ha a disposizione una quantità di banda notevolmente inferiore rispetto a quella che ci si aspetterebbe, con conseguenti rallentamenti soprattutto per le aziende che sfruttano la rete per far funzionare il proprio business.

In particolar modo, il contratto dati deve garantire una banda minima in upload, cardine di qualsiasi attività online delle aziende. Pensate all’invio di allegati nelle email, alle videoconferenze, al trasferimento di grandi file o all’upload di dati sul web. Sono tutte operazioni che un’azienda medio-piccola in Italia compie quotidianamente: con la gran parte dei contratti internet tradizionali, per ciascuna di queste attività si può impiegare fino al 30% in più di tempo, rispetto alle stesse operazioni effettuate con un servizio MyLink business.
La differenza sta nel possesso dei ponti radio e delle infrastrutture da parte di MyLink, che affiancano alla vecchia rete Telecom basata su doppini di rame ormai obsoleti, nuovi collegamenti con reti ad alta capacità via radio o via fibra ottica e forniscono quindi un vantaggio considerevole per svolgere con rapidità le elementari operazioni online necessarie alle aziende.

Tra le altre cose, per stabilire la qualità di un servizio internet o di un contratto telefono, conviene guardare ai tempi indicati per il ripristino in caso di guasto o disservizio. Nei contratti MyLink viene sempre proposto il Monitoraggio proattivo così in caso di rari eventuali guasti nel collegamento, il servizio viene ripristinato automaticamente dal sistema in pochissimo tempo. Nei casi più gravi, interviene direttamente il tecnico che si è occupato dell’installazione o del collegamento in azienda per ripristinare il tutto limitando così  il disservizio.

Il contratto MyLink tutela l’azienda perchè è stato pensato e dimensionato per le necessità della Piccola e Media Impresa.

 

Semplifica la gestione delle tue telefonate aziendali

Segnale internet via radio - MyLink

Desideri offrire un servizio telefonico professionale di risposta ai tuoi clienti ma temi di dover fare grandi investimenti?
Scopri come puoi accedere ad un servizio intelligente senza dover cambiare centralino

I tempi cambiano e le tecnologie devono adattarsi al nuovo modo di fare business. Ogni azienda con un traffico di telefonate entranti di un certo volume ha necessità di avere a disposizione un sistema professionale per la gestione chiamate, che oltre a dare un’immagine di serietà e di affidabilità sia anche in grado di svolgere il suo lavoro senza interruzioni e senza disturbi e rallentamenti, agevolando il flusso in ingresso.
Il risponditore IVR è la soluzione perfetta per integrare questo sistema e risolvere le problematiche che possono sorgere attualmente con l’utilizzo di un risponditore telefonico tradizionale, senza intaccare l’equilibrio dinamico di una rete aziendale.In generale, le imprese con un elevato flusso telefonico, dispongono di un dispositivo PBX, un risponditore telefonico automatico che svolge egregiamente il suo lavoro evitando all’azienda di dover versare quote supplementari alla compagnia telefonica per l’utilizzo di un numero superiori di canali.Il PBX è un sistema usato nella maggior parte delle aziende ma è una tecnologia superata, che grazie ai ritrovati tecnologici di ultima generazione può essere migliorata o, in certi casi, implementata.Il PBX è inserito nella rete IT aziendale ed eliminarlo rappresenterebbe un problema per l’impresa, che dovrebbe mappare nuovamente tutta la rete per l’inserimento di un sistema per la gestione delle chiamate entranti: grazie al risponditore IVR, invece, si agisce non sulla rete IT fisica ma direttamente sulla linea telefonica, senza interventi rivoluzionari.
Sfruttando la rete di connessione internet veloce ed i servizi del suo Datacenter, MyLink fornisce uno strumento innovativo che permette di sfruttare al massimo la forza propulsiva della connessione per la crescita delle PMI. Il telefono è il collaboratore più stretto di un’azienda: è il sistema di comunicazione ufficiale e ufficioso finora più utilizzato per dialogare e trasferire velocemente le informazioni, senza la necessità di attendere del tempo prima di ottenere la risposta. La riduzione delle tempistiche di gestione delle chiamate entranti e un nuovo concetto di risponditore telefonico sono alla base della crescita di un’impresa, volta a trovare la migliore soluzione per creare una comunicazione efficace e funzionale con il cliente, creando un rapporto di fiducia.Un utente che desidera mettersi in contatto con la tua azienda e, davanti a un risponditore automatico entra in confusione o perde del tempo, è un cliente perso, o quasi.

Il risponditore IVR guida sempre l’utente alla scelta corretta, mettendolo in comunicazione con l’operatore in tempi rapidi: questa è l’immagine di impresa efficiente che dev’essere acquisita, per dare al cliente una sensazione positiva e di fiducia nei confronti della tua azienda.

Se vuoi che il tuo business abbia successo, devi prima di tutto utilizzare gli strumenti giusti e dare un’immagine di successo: il resto verrà quasi da sé. Scegli il servizio di risponditore IVR MyLink, non affidarti a una vecchia segreteria o ad un risponditore automatico obsoleto. Se vuoi far decollare la tua azienda, rivolgiti a MyLink.

Come potrebbe cambiare la gestione dei tuoi fax in un click

Fax-on-mail

Uno dei segreti per un’azienda di successo è poter contare su validi supporti tecnologici e multimediali, capaci di sostenere il ritmo di lavoro e di fornire garanzia di affidabilità e maggiore efficienza. Se hai un’azienda avviata da qualche anno, nel tuo ufficio molto probabilmente sarà presente un dispositivo telefax.

Strumento assolutamente indispensabile fino a qualche anno fa, che è stato quasi del tutto sostituito dai moderni sistemi di comunicazione.

Tuttavia ancora oggi è riconosciuto come un documento certificato al pari della tradizionale Raccomandata A/R o della più moderna PEC, Posta Elettronica Certificata.

Certamente era uno spreco, oltre che scomodo ricevere molti fogli di comunicazioni, alcune anche inutili e indesiderate. Sicuramente possiamo dire che anche i fax hanno contribuito all’uso di quantità eccessive di carta, che poi doveva essere smaltita o archiviata.

Oggi però è finito il tempo di grossi faldoni, grandi armadi di archiviazione e grande spreco di carta. MyLink propone la soluzione FaxOnMail, un’evoluzione moderna che annulla scomodità e sprechi e porta nuove funzionalità per i documenti fax.

Il servizio FaxOnMail funziona tramite internet via e-mail con un click: i dati che vengono trasmessi da un qualsiasi fax (anche tradizionale) vengono dirottati verso il sistema centrale MyLink che li trasformerà nel formato elettronico PDF per essere poi recapitati su un indirizzo e-mail prescelto. In modo altrettanto semplice, per inviare documenti via fax senza stamparli, basterà usare il servizio FaxOnMail tramite l’invio di una e-mail. Tutti i documenti possono così essere gestiti e archiviati in formato digitale sia in entrata che in uscita.

I documenti ricevuti possono essere salvati come file PDF o possono essere stampati all’occorrenza: efficienza e risparmio.

Inoltre, grazie al servizio FaxOnMail, i fax ricevuti possono essere letti in mobilità, su smartphone o tablet, senza aspettare di essere in ufficio.

MyLink è il partner più affidabile per la tua azienda: se per la tua impresa reputi necessario l’utilizzo del fax ma non vuoi elementi obsoleti nel tuo ufficio, affidati al FaxOnMail MyLink di Avelia.

Contattaci



Acconsento alla Privacy Policy

Certificazioni